sabato 10 luglio 2010

La mia storia raccontata in poche righe

Ho sofferto di bulimia prima e dopo dell' anoressia. Le prime volte che vomitavo ero costretta a trovare spiegazioni tutti i giorni per i miei genitori, in quanto non vivo sola, e non sono mai riuscita a ripulire tutto. Ero arrivata a farmi schifo da sola, e decisi che l'unico modo per farla finita fosse smettere completamente di mangiare, in modo tale che non avessi nulla da vomitare. Ti dico questo perchè io cercavo di vomitare non perchè avessi mangiato molto, ma perchè mi sentivo così libera che non potevo più farne a meno. Ci fu un mese che vomitavo due, tre volte al giorno. Non mangiavo più ma quella sensazione non l'avevo proprio, ma notai che le macchie di sangue sotto gli occhi scomparvero del tutto, in soli 5 giorni, e le chiazze rosse sulle mani non c'erano più, e non c'era neanche il bruciore alla gola, così iniziò l'anoressia per me, mi sentivo bene, ma sempre più pesante e in colpa di non vomitare più. Dopo 4 mesi ci fu una festa a casa di un mio amico, e c'era una torta alla nutella, erano mesi che non toccavo un dolce. Mi dissi che se avessi preso solo una briciola non mi sarebbe successo nulla, e ne mangiai una forcettata. Poi un'altra, e un'altra ancora fino a mangiarne un pezzo intero! Chiedo immediatamente di andare in bagno, e quella maledettissima torta finisce nel WC. Iniziai a mangiare ogni giorno e a eliminare i digiuni,e a vomitare tutto, o almeno credevo. Una domenica mi pesai, ero ingrassata 7 chili! Non me ne accorsi proprio poichè i jeans non li indossavo, ero solita portare gonne e leggins, e il cambiamento non lo potevo vedere. Non mi curavo e non mi specchiavo mai, indossavo sempre cappotti larghi quindi nessuno notò nulla. Fu così che smisi di vomitare. Ormai la sensazione di libertà non l'avevo più, mi sentivo comunque sporca, GRASSA. Quell'idea ce l'ho ancora, mi sono arresa e adesso sfogo tutte le mie preoccupazioni nel cibo, vorrei non farlo più.

3 commenti:

  1. Grazie per aver condiviso la tua storia.
    Il libro della Santacroce lo conosco, il suo stile è di un crudele incantevole.

    La vita invece è spesso solo crudele, ma dobbiamo riconoscere e dare spazio a ciò che ha il potere d'incantarci con la bellezza e la forza di quello che è vero. La nostra personale e unica verità, che va molto oltre il disturbo alimentare che ci soffoca.

    Un abbraccio
    M.

    P.s.Se vuoi rispondere alla domanda nel mio ultimo post, ne sarei lieta :)

    RispondiElimina
  2. Infatti io penso che oltre la sofferenza quotidiana c'è una personalità, ci siamo noi, e non ci dobbiamo fermare al dolore, ma cercare una via per andare avanti comunque. Sempre.
    Rispornderò con piacere ;)

    RispondiElimina
  3. ma una dieta normale no eh?
    calcola dal principio ero bulimica e anoressica anch'io..poi dopo normale..appena ho finito di riprendere tutti i kg più gli interessi (73) ho cominciato a mangiare normalmente ma un po di meno..beh certo più verdure e frutta meno olio ecc...ti parlo di questo 21 luglio ed ora sono 64 kg da ben una settimana. E non ho fatto tutta una tirata ma in mezzo anche due mantenimenti al 68° kg e al 65° in modo tale che non li recupero più. Non c ho messo neanche tanto: non sono neanche 3 mesi se ti fai il calcolo e sono già -8 kg. Se ci vogliamo sentire ti lascio msn..ritornerò sulla pagina per vedere se hai risposto sennò un bacio.

    RispondiElimina