domenica 11 luglio 2010

No.No.No.Mai più!

Io non uscirò più di casa, mai più! La mia estate finisce qui. Non voglio più uscire! Mi vergogno di me stessa, mi sento osservata, sotto gli occhi di tutti ci sono io, c'è il mio grasso. Mi sento inadatta ad ogni situazione. Non sono in grado di fare nulla. Basta! La mia estate finisce qui. Ci ripenserò quando sarà iniziata la scuola.

3 commenti:

  1. E' un po autolesionista, ma esci il più spesso possibile.
    Vedrai lo sgurda schiafato della gente e avrai più motivazioni per non abbuffarti.

    Lo sai meglio di me che stando in casa resisti al cibo una volta, due volte, ma alla terza arriva l'abbuffata.

    RispondiElimina
  2. Hai ragione ma sono stanca di tutto questo! Vorrei porre un fine ma non ci riesco, non so da dove iniziare! Non ne ho la minima idea.

    RispondiElimina
  3. Anch'io dopo ogni abbuffata rigorosamente non esco di casa (e anche in casa mi copro con maglie larghissime che coprono bene le braccia, la pancia e il sedere, a costo di soffrire anche il caldo), minimo devono passare 12 ore dalla fine dell'abbuffata, il tempo minimo per cercare di coprire e riparare in qualche modo i danni. Non posso assolutamente mostrarmi con lo stomaco gonfissimo e che scoppia, sicuramente noteranno subito che sono ingrassata. Questo pensavo e, a dire il vero, lo penso tutt'oggi. Ne ho parlato con lo psicologo e ovviamente il nostro è un ragionamento del tutto errato. Cadiamo in errore quando proiettiamo la nostra mentalità, il nostro radicato pensiero malato negli altri. Noi pensiamo di essere grasse, sempre noi pensiamo di essere ulteriormente ingrassate con l'abbuffata e siamo, in oltre, fermamente convinte che le persone che ci circondano pensino le stesse cose. Il punto è che noi ci giudichiamo e valutiamo in base al peso e di conseguenza crediamo che lo facciano anche gli altri. Per noi è la cosa più naturale e ovvia di questo mondo, per gli altri è l'ultimo criterio di valutazione. è difficile cambiare idea, ogni percorso è lungo, molto faticato e, soprattutto, deve essere voluto.
    Dopo tutto questo io non ti consiglio di restare proprio chiusa in casa, magari puoi fare qualche passeggiata solitaria, per evadere, per respirare un'aria e un'atmosfera diversa da quella dove si compiono tutti "i misfatti". Puoi trarne dei piccoli benefici, provaci..!
    Ti mando un forte abbraccio, forza..!
    Myriam

    RispondiElimina